Condividi su :

Regolamento De Minimis: cos’è e le novità in programma

Il Regolamento De Minimis dell’Unione Europea stabilisce limiti massimi per gli aiuti concessi a un’impresa entro un periodo di tre anni. Questa regolamentazione esclude il sostegno economico dato da uno Stato membro dagli standard europei sugli aiuti di Stato, a condizione che siano di modesta entità e non compromettano la libera concorrenza nel mercato unico.

Gli Stati membri, secondo i trattati europei, devono notificare ogni aiuto di Stato alla Commissione europea, che li approverà prima che vengano effettivamente concessi.

Lo scopo principale del regolamento  è quello di consentire agli Stati di sostenere settori specifici o imprese con aiuti di modesta entità senza dover ottenere preventivamente l’approvazione della Commissione. Questo processo agevola l’accesso delle imprese ai finanziamenti e alle agevolazioni offerti da bandi di Finanza Agevolata nazionali, regionali e locali, nonché da misure stabilite dal PNRR.

A chi si rivolge il regolamento de minimis? 

Il Regolamento si applica ai limiti degli aiuti di Stato nell’ambito dell’entità nota come “impresa unica”. Questa si riferisce a qualsiasi organizzazione impegnata in un’attività economica, indipendentemente dal suo status legale o dalle modalità di finanziamento, in cui esiste un legame di controllo.

In termini pratici, il regolamento si applica a tutte le imprese che presentano almeno una delle seguenti relazioni:

  • Un’impresa detiene la maggioranza dei diritti di voto di un’altra impresa tra azionisti o soci.
  • Un’impresa ha il diritto di nominare o revocare la maggioranza dei membri del consiglio di un’altra impresa.
  • Un’impresa esercita un’influenza dominante su un’altra in base a un contratto o clausola statutaria.
  • Un’impresa azionista o socia controlla da sola, attraverso un accordo con altri azionisti o soci, la maggioranza dei diritti di voto di un’altra impresa.
  • Le imprese che presentano una delle relazioni sopra citate tramite una o più altre aziende.
Novità 2024 del Regolamento De Minimis

La Commissione europea ha adottato due nuovi regolamenti che influenzano gli aiuti di Stato limitati: il regolamento generale “De Minimis” 1407/2013 e il regolamento SIEG 360/2012, riguardante gli aiuti di Stato limitati per i servizi di interesse economico generale, come trasporti pubblici e assistenza sanitaria.

Le modifiche saranno valide dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2030.

Le modifiche al regolamento De Minimis generale includono:

  • Incremento del limite massimo per impresa da € 200.000 a € 300.000 nell’arco di tre anni.
  • L’obbligo per gli Stati membri di registrare gli aiuti De Minimis in un registro centrale a livello nazionale o dell’UE a partire dal 1° gennaio 2026, riducendo gli obblighi di notifica per le imprese.

Il regolamento De Minimis SIEG stabilisce un importo minimo di compensazione per i prestatori di Servizi d’Interesse Economico Generale.

Le modifiche comprendono:

  • Aumento del limite per impresa da € 500.000 a € 750.000 su tre anni.
  • L’obbligo per gli Stati membri di registrare gli aiuti De Minimis in un registro centrale a partire dal 1° gennaio 2026, riducendo gli obblighi di notifica per le imprese.

La Commissione europea ha adottato una modifica del regolamento De Minimis pesca e acquacoltura (717/2014) il 04/10/2023, che comporta:

  • Incremento del limite massimo degli aiuti per impresa nell’arco di tre anni, passando da € 30.000 a € 40.000, a condizione di istituire un registro nazionale centrale.
  • Limitando l’ambito di applicazione del regolamento sulla pesca alla produzione primaria, mentre la trasformazione e commercializzazione rientrano nel regolamento De Minimis generale.
  • Proroga della validità del regolamento De Minimis sulla pesca, fino al 31 dicembre 2029, rivisto e in vigore dal 1° luglio 2014.
resta aggiornato sul tema

Sei interessato a ricevere aggiornamenti su Regolamento De Minimis: cos’è e le novità in programma?

Inserisci la tua e-mail per ricevere aggiornamenti su questo argomento. Non perdere l’occasione di ricevere informazioni sulle modalità

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sui nuovi Bandi e sui risultati

Inserisci la tua e-mail per restare aggiornato sugli esiti dei bandi e sulla pubblicazione di quelli nuovi.