Condividi su :

Zes Unica per il sud: cos’è, come funziona e cosa prevede

A partire dal primo gennaio 2024, si avvia l’entrata in vigore della ZES Unica, promuovendo un’opportunità senza precedenti per le imprese operanti o che intendono insediarsi nel Mezzogiorno. Questa iniziativa, introdotta tramite il Decreto Sud sulla Gazzetta Ufficiale il 19 settembre 2023, mira a stimolare lo sviluppo economico e sociale del Sud Italia. Ma cosa comporta esattamente e come funziona il credito d’imposta ZES Unica?

Continua a leggere per scoprire maggiori dettagli su questa nuova prospettiva per le imprese del Sud Italia.

Cos’è una ZES?

Le Zone Economiche Speciali (ZES) sono aree definite all’interno del territorio nazionale dove le imprese, sia esistenti che in fase di insediamento, possono sfruttare condizioni speciali per gli investimenti e lo sviluppo delle attività. Queste condizioni includono incentivi fiscali e agevolazioni finanziarie, rendendo il contesto imprenditoriale di queste zone estremamente vantaggioso.

Esempi di Incentivi e Agevolazioni in ZES
  • Incentivi Fiscali e Regolamentari: le ZES offrono una gamma di incentivi fiscali e regolamentari per renderle attrattive agli investitori. Questi possono includere sgravi fiscali come crediti d’imposta, riduzioni delle tariffe doganali, semplificazioni burocratiche e normative più flessibili.
  • Promozione delle Esportazioni: molte ZES sono progettate per stimolare le esportazioni, incoraggiando la produzione di beni e servizi destinati ai mercati internazionali, con l’obiettivo di migliorare il bilancio commerciale del paese.
  • Attrazione degli Investimenti: le ZES cercano di attrarre investimenti nazionali e stranieri in vari settori, tra cui manifatturiero, tecnologico, logistica, turismo e servizi finanziari.
  • Creazione di Posti di Lavoro: un obiettivo chiave è la generazione di nuovi posti di lavoro nelle aree economicamente svantaggiate, portando ad un incremento dell’occupazione locale.
  • Sviluppo Infrastrutturale: le ZES sono accompagnate da investimenti nelle infrastrutture, come porti, strade, aeroporti e telecomunicazioni, per supportare la crescita economica e agevolare il trasporto di merci e persone.
  • Sostenibilità e Ambiente: in alcuni casi, le ZES si concentrano sulla promozione di pratiche commerciali sostenibili e sull’adozione di tecnologie pulite per ridurre l’impatto ambientale delle attività industriali.
  • Flessibilità Amministrativa: le ZES possono avere normative amministrative più flessibili, semplificando i processi decisionali e le procedure per le imprese.

Le ZES, create in varie parti del mondo, hanno l’obiettivo di accelerare la crescita economica, ridurre le disuguaglianze regionali e attrarre investimenti nei settori chiave per lo sviluppo economico. Tuttavia, il loro successo dipende dalla progettazione e dall’efficace attuazione delle politiche, nonché dalla capacità di attrarre investimenti e imprese.

ZES Unica: Caratteristiche e Vantaggi per il 2024

Il Decreto Legge 124, noto come Decreto Sud, emesso il 19 settembre 2023 e operativo dal 20 settembre, stabilisce politiche di coesione e stimola la ripresa economica nel Mezzogiorno, introducendo la ZES Unica.

La ZES Unica, in vigore dal 1° gennaio 2024, unifica le otto ZES esistenti nelle regioni meridionali d’Italia. Copre le regioni dell’Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna, offrendo un quadro favorevole alle imprese e agli investimenti per promuovere lo sviluppo economico.

Beneficiari della ZES Unica 2024

Tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni e attive in diversi settori, possono accedere ai benefici della ZES Unica. Tuttavia, alcuni settori, come industria siderurgica, trasporti e settore finanziario, sono esclusi.

Le imprese che soddisfano i requisiti devono mantenere le attività nelle aree coinvolte nell’investimento agevolato per almeno 5 anni successivi al suo completamento, ricevendo un credito d’imposta calcolato sul costo totale dei beni acquisiti o realizzati.

Credito d’Imposta ZES Unica: Dettagli Importanti

Il credito d’imposta ZES Unica è destinato alle imprese che acquisiscono specifici beni strumentali destinate a strutture produttive situate nelle regioni coinvolte. Alcuni settori sono esclusi dai benefici.

L’importo del credito d’imposta è basato sul costo dei beni acquisiti entro il 15 novembre 2024, con un limite massimo di 100 milioni di euro per progetto di investimento.

Investimenti Inclusi nel Credito d’Imposta ZES Unica 2024

Gli investimenti agevolabili includono l’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature e immobili strumentali agli investimenti, con alcune limitazioni sul valore dei terreni e degli immobili.

Il credito d’imposta è calcolato sul costo dei beni acquisiti o realizzati tra il 1° gennaio 2024 e il 15 novembre 2024, con un limite massimo di 100 milioni di euro per progetto di investimento.

Come Accedere all’Opportunità della ZES Unica

Per sfruttare al meglio l’opportunità della ZES Unica, le imprese devono comprendere la normativa e i requisiti specifici. È fondamentale rispettare le condizioni stabilite e rimanere aggiornati sui cambiamenti.

Una partnership con esperti in finanza agevolata, come la ISI Consulting, può guidare le aziende nell’accesso ai benefici offerti dalla ZES Unica, consentendo di massimizzare l’utilizzo dei vantaggi offerti da questa iniziativa.

Contattaci per una CONSULENZA GRATUITA, compilando il modulo che trovi cliccando QUI. Saremo lieti di conoscerti. 

resta aggiornato sul tema

Sei interessato a ricevere aggiornamenti su Zes Unica per il sud: cos’è, come funziona e cosa prevede?

Inserisci la tua e-mail per ricevere aggiornamenti su questo argomento. Non perdere l’occasione di ricevere informazioni sulle modalità

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sui nuovi Bandi e sui risultati

Inserisci la tua e-mail per restare aggiornato sugli esiti dei bandi e sulla pubblicazione di quelli nuovi.