Condividi su :

Incentivi alle imprese: inizia una nuova era

La recente legge delega in tema di revisione del sistema degli incentivi alle imprese segna un importante cambiamento per i contributi pubblici e le imprese italiane. Si prevede un’evoluzione significativa nel sostegno alle attività imprenditoriali, con l’entrata in vigore della legge delega pubblicata nella Gazzetta Ufficiale lo scorso 15 novembre. Questo cambiamento era già stato anticipato con il DDL Incentivi e si concretizzerà nel biennio 2024-2025, in quanto l’adozione del decreto deve avvenire entro 24 mesi dalla pubblicazione della legge delega.

Questa iniziativa, frutto di un’analisi approfondita da parte delle istituzioni, mira a risolvere alcune delle principali criticità che hanno caratterizzato il sistema della finanza agevolata negli ultimi anni. Spesso le sovvenzioni si sono rivelate frammentate, sovrapposte e poco coordinate tra i diversi livelli amministrativi, dissipando risorse preziose e compromettendo l’efficacia degli aiuti alle imprese.

Nel panorama economico attuale, gli aiuti di Stato rappresentano un pilastro fondamentale per la competitività delle aziende, incoraggiando investimenti strategici, stimolando l’innovazione e affrontando eventuali fallimenti di mercato. Tuttavia, l’Italia ha mostrato una certa debolezza nell’utilizzo di questi strumenti rispetto ad altri paesi europei, come sottolineato anche dalla Banca d’Italia.

Incentivi alle imprese: più coordinazione e meno burocrazia 

La pandemia da Covid-19 ha determinato un’inversione di tendenza, con un aumento significativo della spesa per gli incentivi alle imprese nel 2020 rispetto all’anno precedente, necessario per garantire liquidità alle imprese colpite dalla crisi sanitaria. Tuttavia, i sussidi legati alla pandemia hanno evidenziato un approccio più quantitativo che qualitativo, concentrato principalmente sulle garanzie pubbliche ai prestiti bancari.

Al fine di porre rimedio a queste lacune, il governo ha avviato un percorso di riforma organica del sistema degli incentivi alle imprese, impegnandosi nella pubblicazione di una serie di decreti legislativi attuativi della legge delega nei prossimi 24 mesi.

Gli obiettivi della revisione delle agevolazioni per le imprese sono molteplici: concentrare l’offerta degli incentivi, ridurre le sovrapposizioni tra misure simili, coordinare i vari livelli amministrativi coinvolti e semplificare le procedure burocratiche per le imprese.

Si punta anche a orientare gli incentivi alle imprese verso settori strategici come la transizione ecologica, l’efficientamento energetico e l’innovazione tecnologica, al fine di rafforzare la competitività del Made in Italy.

La riforma del sistema degli incentivi alle imprese rappresenta quindi un passo fondamentale per il rilancio dell’economia italiana e il sostegno alle imprese nazionali, con l’obiettivo di razionalizzare, coordinare e semplificare gli aiuti di Stato per rinsaldare il legame tra istituzioni e imprese nell’interesse comune del Paese.

PIANO TRANSIZIONE 5.0

Benvenuto a bordo! 

Il tuo download è pronto. Clicca sul link qui sotto per scaricare il file.

resta aggiornato sul tema

Sei interessato a ricevere aggiornamenti su Incentivi alle imprese: inizia una nuova era?

Inserisci la tua e-mail per ricevere aggiornamenti su questo argomento. Non perdere l’occasione di ricevere informazioni sulle modalità

PIANO TRANSIZIONE 5.0

Scarica la nostra GUIDA GRATUITA

Sfrutta gli incentivi fiscali del piano Transizione 5.0 e innova i tuoi processi aziendali