Condividi su :

Resto al Sud 2.0: tutte le novità del DL coesione

Tra le novità del Decreto Coesione c’è anche la nuova Resto al Sud 2.0, l’agevolazione che favorisce la costituzione di nuove attività nelle regioni del Mezzogiorno. Requisiti e istruzioni per ottenere gli incentivi sono chiaramente delineati ed è quasi tutto pronto per la partenza della nuova agevolazione, che mira a favorire la costituzione di nuove attività autonome e imprenditoriali nelle regioni del Sud Italia.

Con Resto al Sud 2.0 i giovani under 35 in possesso di specifici requisiti possono ottenere dei voucher fino a 50.000 euro e contributi a fondo perduto che coprono fino al 75 per cento delle spese per favorire l’autoimprenditorialità.

Vediamo tutti i dettagli. 

Resto al Sud diventa 2.0: requisiti e novità nel DL Coesione

In arrivo la versione 2.0 di Resto al Sud, l’agevolazione che sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali nelle regioni del Mezzogiorno.

A prevedere la novità è il Decreto Coesione, il DL n. 60/2024, che ha introdotto una serie di agevolazioni volte a favorire l’occupazione di giovani, donne e a sostegno dell’autoimprenditoria.

L’obiettivo della misura Resto al Sud 2.0 è quello di promuovere la costituzione di nuove attività di lavoro autonomo, imprenditoriali e libero-professionali, sia in forma individuale sia collettiva, tramite voucher e contributi a fondo perduto.

Come si legge al comma 2 dell’articolo 18 del decreto Coesione, le attività possono essere avviate:

  • in forma individuale tramite l’apertura di partita IVA per la costituzione di impresa individuale o per lo svolgimento di attività libero-professionale;
  • in forma collettiva attraverso la costituzione di società in nome collettivo, società in accomandita semplice, società a responsabilità limitata e società cooperativa o società tra professionisti.

A poter beneficiare delle agevolazioni sono i giovani con meno di 35 anni d’età e che risultano in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • si trovano in condizione di marginalità, di vulnerabilità sociale e di discriminazione, come definite dal Piano nazionale Giovani, donne e lavoro 2021 – 2027;
  • sono inoccupati, inattivi e disoccupati;
  • siano disoccupati destinatari delle misure del programma di politica attiva Garanzia di occupabilità dei lavoratori (Programma GOL).

Per l’attuazione delle novità il decreto Coesione ha previsto lo stanziamento di 49,5 milioni di euro per il 2024 e di 445,5 milioni di euro il 2025.

Resto al Sud 2.0: voucher e contributi a fondo perduto per under 35

I finanziamenti possono essere concessi per le seguenti iniziative:

  • erogazione di servizi di formazione e di accompagnamento alla progettazione preliminare per l’avvio delle attività, definita su base territoriale e di concerto con le regioni, in coerenza con il Programma nazionale giovani, donne e lavoro 2021-2027 e il programma GOL;
  • tutoraggio, finalizzato all’incremento delle competenze, al fine di supportare i beneficiari di Resto al Sud 2.0 nelle fasi di realizzazione della nuova iniziativa;
  • interventi di sostegno all’investimento, che consistono nella concessione di incentivi per l’avvio delle attività.

Per quanto riguarda l’ultimo punto, gli incentivi sono fruibili, nel rispetto del regolamento UE sugli aiuti de minimis, in via alternativa e consistono nel riconoscimento di voucher e contributi a fondo perduto.

Le agevolazioni 

Nello specifico, i beneficiari di Resto al Sud 2.0, per l’avvio delle attività con sede legale nelle aree del Mezzogiorno e nei territori delle regioni dell’Italia centrale colpite dagli eventi sismici del 2009 e del 2016, possono ottenere:

  • un voucher di avvio del valore massimo di 40.000 euro, in regime de minimis e non soggetto a rimborso, che può essere utilizzato per l’acquisto di beni, strumenti e servizi utili all’avvio delle attività. Il massimale sale a 50.000 euro per l’acquisto di beni e servizi innovativi, tecnologici e digitali o di beni diretti ad assicurare la sostenibilità ambientale o il risparmio energetico.
  • un contributo a fondo perduto, in regime de minimis, per programmi di spesa per l’avvio delle attività non superiori a 120.000 euro. Il contributo copre fino al 75 per cento delle spese.
  • un contributo a fondo perduto, in regime de minimis, per programmi di spesa per l’avvio delle attività dal valore compreso tra i 120.000 e i 200.000 euro. Il contributo copre fino al 70 per cento delle spese.

Un apposito decreto interministeriale, che dovrà essere emanato entro il 6 giugno individuerà i criteri e le modalità di finanziamento delle iniziative previste.

I beneficiari di Resto al Sud 2.0 che risultano iscritti al programma GOL e percepiscono la NASpI, possono cumulare i trattamenti di cui beneficiano solo se presentano la richiesta per l’erogazione dell’indennità di disoccupazione in unica soluzione (NASpI anticipata), così che i fondi possano essere utilizzati come capitale d’avvio per l’attuazione delle iniziative finanziate.

Inoltre, si legge nel testo, l’indennità prevista per i beneficiari del supporto per la formazione e il lavoro (SFL) è compatibile con l’agevolazione ai sensi dell’articolo 12 del decreto lavoro 2023.

 
 
 
ISI contatti

Vuoi chiedere informazioni su Resto al Sud 2.0: tutte le novità del DL coesione?

Compila il form per qualsiasi richiesta, verrai contattato al più presto da uno dei nostri consulenti.

resta aggiornato sul tema

Sei interessato a ricevere aggiornamenti su Resto al Sud 2.0: tutte le novità del DL coesione?

Inserisci la tua e-mail per ricevere aggiornamenti su questo argomento. Non perdere l’occasione di ricevere informazioni sulle modalità

Bando ISI INAIL 2023

Scarica la nostra guida gratuita

e scopri come accedere ai fondi messi a disposizione dal Bando INAIL  senza complicazioni